Servizi

 

in caso di
decesso

Quando il decesso avviene nell'abitazione del defunto, la constatazione del decesso è fatta dal medico curante il quale, individuata l'origine, ne denuncia la causa all’ Ufficiale di Stato Civile. L'accertamento effettivo della morte compete al medico necroscopo in veste di pubblico ufficiale. Tale visita necroscopica deve essere effettuata entro 24 ore dal decesso.
 

LA DICHIARAZIONE DI MORTE
La dichiarazione di morte deve essere fatta, entro 24 ore dal decesso, all'ufficiale dello stato civile del Comune ove è avvenuto il decesso. Tale dichiarazione compete ad uno dei congiunti del defunto o a persona con questi convivente oppure ad un loro delegato.

LA SORVEGLIANZA DELLA SALMA
Allo scopo cautelativo di non impedire possibili manifestazioni di vita, il seppellimento delle salme deve essere preceduto da un periodo di osservazione, che nei casi normali è di 24 ore. Nei casi di morte improvvisa e in quelli in cui si abbiano sospetti di morte apparente, l'osservazione deve essere protratta sino a 48 ore.

IL TRASPORTO DEL CADAVERE
Il trasferimento del cadavere dal luogo in cui è avvenuto il decesso a quello nel quale avrà definitiva dimora è regolato da una normativa ben precisa e richiede l'autorizzazione del Comune.

LA DESTINAZIONE FINALE
Riguardo la sepoltura è opportuno innanzitutto sapere che ogni Comune ha un proprio Cimitero dove ricevere:
• le salme di persone decedute sul proprio territorio, anche se residenti in altre località;
• le salme di coloro che, pur residenti nel Comune, sono morti altrove;
• le salme degli aventi diritto al seppellimento in cappella o loculo privato esistente all'interno del Cimitero.
 

 

Operativi nei Comuni di
PAESANA, CRISSOLO, OSTANA, ONCINO e ovunque sia richiesto